I sindaci socialisti al comune di Mantova dal 1945 al 1993

STORIA dei SINDACI SOCIALISTI di MANTOVA

La storia degli amministratori del Comune di Mantova si intreccia fin dalle origini con quella del Partito Socialista; infatti già alle elezioni del 24 Ottobre 1920 (le seconde a “quasi suffragio universale maschile”) vi fu la netta vittoria dei socialisti, guidati da Enrico Dugoni, con l’elezione a Sindaco di Virgilio Coppi che, poi, a seguito della scissione di Livorno, nel Giugno del ‘21dovette dimettersi. Dopo il periodo fascista, all’indomani della Liberazione, si costituì ad opera del Comitato di liberazione nazionale mantovano, col consenso delle autorità alleate, una giunta provvisoria rappresentante tutte le forze antifasciste, presieduta dal sindaco socialista Carlo Camerlenghi. Dopo alcuni primi cittadini comunisti,  il 23 Luglio 1956 con l’onorevole Eugenio Dugoni, brillante dirigente d’azienda e figlio di Enrico, si inaugura una lunga stagione di sindaci socialisti che comprenderà Luigi Grigato, Gianni Usvardi, Vladimiro Bertazzoni e che terminerà dopo quasi quarant’anni, nel 1993, con l’avvocato Sergio Genovesi.  Dugoni, che morì tragicamente in un incidente stradale nell’agosto del 1960, contribuì in maniera considerevole al rinnovamento della città e all’avvio del processo di industrializzazione, nonché al varo del nuovo piano regolatore. L’azione dei sindaci del PSI sarà determinante per lo sviluppo socio-economico e culturale di Mantova, in particolare  emerse l’operato di Gianni Usvardi, già deputato con incarichi di governo per un decennio, che fu , tra l’altro, presidente e fondatore dell’”Ente Manifestazioni Mantovane” e dell’AICS. Dal punto di vista politico il PSI governò, in quasi tutto quel periodo, in alleanza con il PCI dando vita a maggioranze di sinistra anche se non mancarono esperimenti di centro-sinistra.

Ovviamente non solo di sindaci è fatta la storia amministrativa socialista, dal dopoguerra fino a oggi a  Paolo Gianolio, innumerevoli sono stati i consiglieri e gli assessori del PSI, ma per evidenti ragioni di spazio nella galleria fotografica ospitata in questo sito  abbiamo privilegiato coloro che ricoprirono la massima carica ad eccezione di Ilario Chiaventi, assessore ai “Grandi Eventi” con Gianfranco Burchiellaro prima, e vicesindaco con delega alla cultura con Fiorenza Brioni poi, per l’importanza che ha avuto nella vita recente del Partito e per onorarne la memoria vista la prematura scomparsa avvenuta nel Novembre del 2006 a soli 56 anni.

Autore: Rosso di Sera Mantova

Condividi questo articolo

Rispondi