La Lega Contadina di San Rocco Mantovano1: inaugurazione del monumento il 1°maggio 1974

Tratto da L’evoluzione della lega di S. Rocco

di Rinaldo Salvadori

…..Nei primi annoi del ‘900 in pochi e brevi articoli o in qualche intervento nel corso di congressi dei lavoratori della terra, si affermava che la Lega di S. Rocco di Quistello  (MN) era stata la prima a formarsi nel 1890 o nel 1895. Essa era formata da 55 soci, ma ogni socio portava anche l’ adesione della propria famiglia. Condizione prima per entrare nella lega era l’ iscrizione circolo socialista locale. Di anno in anno l’ assemblea dei soci stabiliva le tariffe dei lavori agricoli e dei lavori pubblici; un comitato, costituito da quattro rappresentanti eletti dall’assemblea, trattava con i datori di lavoro, stipulava i contratti e distribuiva il lavoro fra i soci. Questi accettavano ordini solo dal comitato; i conduttori dei fondi dovevano avanzare la richiesta di mano d’ opera solo al comitato stesso. Alla fine di ogni settimana il segretario della lega andava di persona a ritirare il blocco dei salari, che veniva distribuito fra i soci in ragione delle giornate lavorative, senza distinzione tra giovani e vecchi, fra forti e deboli. Commentavano il Bonomi e il Vezzani:

<< La Lega di San Rocco racchiudeva così in sintesi mirabile, le diverse forme e i diversi scopi dell’organizzazione proletaria delle campagne. Non solo essa trattava collettivamente coi padroni le questioni di orario e di salario, ma distribuiva essa stessa la mano d’ opera, cercando col sistema del turno, che nessuno dei suoi soci fosse a lungo disoccupato; insomma essa racchiudeva il riconoscimento del diritto dei lavoratori a trattare come collettività dei loro i9nteressi>>.

In un articolo del 1902 si afferma che l’ associazione dei contadini di S. Rocco deve essere fatta risalire  al 1884, al tempo della predicazione di Sartori; questa precisazione è più che credibile per le ragioni di carattere generale già dette. Bisogna poi  tenere presente che nel gran mare del mondo contadino erano riuscite a sopravvivere meglio le organizzazioni appartenenti a piccoli centri dispersi. Ma quando si volle indicare la lega di S. Rocco come la prima formatasi in Italia, in realtà si volle indicare un primato organizzativo, un’anticipazione immediata del movimento dei lavoratori della terra che fiorito negli ultimi anni del secolo , doveva sfociare nel 1901 nella costituzione della federazione nazionale dei lavoratori della terra, dopo che tale movimento era maturato in parecchie provincie del Nord: Mantova, Rovigo, Ferrara e Cremona…….

 

Autore: Rosso di Sera Mantova

Condividi questo articolo

Rispondi