La politica sui muri

1970-1990

Vent’anni di manifesti del PCI mantovano

Erano gli anni in cui non c’era internet e tanto meno i social network. La politica comunicava soprattutto attraverso gli strumenti del comizio e dell’incontro pubblico: manifestazioni di massa nelle piazze, dibattiti di natura politica e culturale nelle sale. Occasioni per riscaldare il cuore dei militanti e per offrire informazioni: momenti di crescita, individuale e collettiva. Il manifesto affisso sui muri lanciava parole d’ordine, motivava alla lotta e indicava giorno, luogo e ora della manifestazione.

Il Partito comunista italiano, tra tutti i partiti, fu quello che più di altri dedicò grande attenzione allo “strumento manifesto” ed elaborò, grazie alla collaborazione disinteressata di artisti, pittori e grafici uno “stile” fondato in primo luogo sulla ricerca e sulla innovazione nel modo di comunicare.

Come non ricordare la sensibilità poetica e politica di Albe Steiner, il grafico che più di altri innovò e fu capace di trasformare la grafica da strumento di “persuasione occulta” in veicolo di cultura.

Egli sosteneva che il manifesto era a suo modo un’opera d’arte e che un buon manifesto non poteva che scaturire da uno studio approfondito di ciò che si vuole comunicare, ma doveva anche tener conto di fattori come i luoghi dove dovevano essere affissi, la luce e persino la fretta con la quale le persone guardavano il manifesto.

Inoltre, egli sosteneva che “Il manifesto non è un’arte minore; il valore è nella sua qualità artistica e solo questa lo determina”.

Il Partito comunista a Mantova, grazie alla collaborazione di Roberto Pedrazzoli e di altri pittori mantovani, che sperimentavano e producevano anche in proprio con tecniche artigianali quali la xilografia e la serigrafia, produsse in quegli anni una messe di manifesti che si inserì a pieno titolo nella ricerca portata avanti da Steiner.

Lo testimoniano in maniera evidente i manifesti che pubblichiamo, riferiti in larga parte alle Feste de l’Unità, ma anche ad altre manifestazioni. Colpisce in particolare la libertà di espressione e il gusto per la ricerca che negavano in radice la teoria secondo la quale i comunisti erano “grigi burocrati”. L’iconografia delle Feste de l’Unità è quella che ha subito, nel corso degli anni, le maggiori modifiche.

Si osservino attentamente i manifesti che annunciano le Feste nazionali che si sono svolte a Mantova sviluppati con la più ampia libertà e dove gli elementi fondamentali sono a volte un disegno, altre solo uno schizzo oppure un gioco di colori o un collage di fotografie.

Essi risveglivano, in chi li osservava, il bisogno e l’immaginazione del cambiamento che era il fine ultimo del Partito comunista.

 

 

DSCF1546.JPG2

DSCF1550 11 DSCF1559 10 DSCF1562 12 DSCF1571.JPG 1 DSCF1573.JPG 7 DSCF1578.JPG 1-0 DSCF1581.JPG 9 DSCF1587 13 DSCF1590 15 DSCF1592 14 DSCF1595 16 DSCF1604 15 DSCF1608 6 DSCF1610 4 DSCF1612.JPG 5 DSCF1617.JPG 3 DSCF1619.JPG 8


Autore: Rosso di Sera Mantova

Condividi questo articolo

Rispondi