Lettera ai nostri lettori

Caro/a lettore/lettrice,

dopo due anni di presenza nel web del nostro sito www.rossodiseramantova.it – curato dall’omonima associazione culturale onlus –

che si occupa di storia della

sinistra e in particolare del PCI nella provincia di Mantova, riteniamo sia necessario

una ristrutturazione del sito.

I nostri obiettivi sono quelli di una maggiore fruibilità del sito e di una ricerca

ancora più approfondita della storia del popolo della sinistra nel ‘900.

Questa ristrutturazione vorremmo farla anche con il contributo dei nostri lettori.

Per questo Vi formuliamo alcune domande:

Riuscite a navigare agevolmente fra le pagine del sito?

Le fotografie o i video riuscite a vederli correttamente?

Il contenuto delle pagine del sito è per Voi interessante o altri temi devono essere

affrontati, sempre nel contesto storico che è alla base della ragione del sito?

Vi sono delle disponibilità a collaborare con l’associazione per ampliare il materiale

testimoniale che serve per costruire le nostre pagine?

Le risposte e i vostri commenti li potete inviare a info@rossodiseramantova.it

Grazie per la vostra disponibilità.

 

Associazione culturale “Rossodiseramantova” onluss.

la foto:1949 disoccupati in attesa della chiamata

Autore: Rosso di Sera Mantova

Condividi questo articolo

2 commenti

  1. Nessun problema di navigazione. Sono disposto a collaborare attrevrso le uniche cose che so fare: scrivere e disegnare. Qualcosa devo avere anche nel mio archivio fotografico,sempre che riesca a trovarlo. Il weeb è una grancosa, ma mi piacerebbe che ogni tanto ci si trvasse da qualche parte, magari coi piedi sotto una tavola, per chiaccherare, più che discutere: saltan sempre fuori idee nuove. Domanda: esistono in altri posti siti simili a questo? se sì, dove? ci sono contatti? Interviste a vecchi compagni prima che spariscano se ne fanno?

    scrivi una risposta
    • Caro Mario siamo molto felici se tu decidi di collaborare, con disegni e scritti,giovedì potremmo trovarci a bere un caffè dalla Lina e parlare di come collaborare.
      A presto Bruno

      scrivi una risposta

Rispondi