Pietro Nenni a Mantova

Pietro Nenni a Mantova

Incontrai Nenni in più occasioni anche se non ebbi rapporti specifici riguardanti il PSI. Peraltro non ho mai avuto animo di dargli del tu al di là dei  ruoli che ricoprivo in Federazione. Il carismatico e storico leader venne a Mantova numerose volte:”Torno sempre volentieri a Mantova  per un legame che ha radici profonde…” disse chiudendo  la campagna elettorale del 1972. Nenni fu da noi non solo per comizi elettorali politici o amministrativi ma anche per altre circostanze come la commemorazione delle tragiche morti di Felice Barbano e di Eugenio Dugoni o la celebrazione al teatro Ariston nel 1970 del Centenario della Breccia di Porta Pia. Spesso veniva trascinato dall’entusiasmo dei compagni in qualche centro della provincia come Sermide o San Benedetto Po terra natale di Enrico Ferri e di Eugenio Dugoni.

Ricordo ,poi, l’ardore con cui, anche se ormai anziano, si batté per difendere la legge sul divorzio del 1970 e a questo proposito mi scrisse di suo pugno sul retro di una rivista un appello alla mobilitazione generale .

Per conto di mio padre, ferriano “di granito” , chiesi cosa ne pensasse del personaggio che suscitò tante passioni politiche socialiste. Erano anni molto ideologizzati e la risposta di Nenni non poté essere che un rimprovero al cedimento del vecchio san benedettino al regime anche se Feri aveva sempre ribadito di non essere mai stato fascista. Certamente in tutte le circostanze in cui ho avuto modo di confrontarmi, anche indirettamente, con il pensiero di Nenni ho sempre avuto conferma, e ciò vale anche,  per esempio, per Sandro Pertini, del fatto che egli non abdicò mai al suo credo e al suo ruolo nel Socialismo.

Vladimiro Bertazzoni già Sindaco di Mantova, già Segretario Provinciale PSI

Autore: Rosso di Sera Mantova

Condividi questo articolo

Rispondi