UDI, un solco nella terra di Pegognaga – 2006

Per una storia del movimento femminile e femminista della provincia di Mantova:

Pubblichiamo materiali tratti dal libro :  UDI- Un solco nella terra di Pegognaga 2006

di Francesca Volpi e Annalisa Taschi

Pubblichiamo una nota dal libro di Valeria Gelsomini Bottoni, presidente provinciale dell’ UDI

Mi telefona l’assessore alla cultura del Comune di Pegognaga. Mi rivolge una richiesta. Sarei disposta a scrivere due righe per la prossima pubblicazione sulla storia dell’UDI di Pegognaga?

Perché non spiegare per quali motivi l’UDI di Mantova ha donato proprio alla biblioteca di Pegognaga l’archivio storico provinciale e le annate storiche di Noi Donne dal 1943 al 1945 e tutte le altre fini al 19976?

Di ragioni ce ne sono diverse.

Di carattere politico indubbiamente e, perché negarlo, anche di carattere personale, per quanto mi riguarda.pegognaga è il paese natale di mio marito e vi abitano i miei parenti.

Ho un legame di simpatia e di vera amicizia con tutte le amiche del circolo UDI  e so che anche loro mi vogliono bene. Ma il motivo vero non è questo. Si è trattato di una scelta politica.

Il circolo UDI di Pegognaga è stato il più solido della provincia di Mantova e ha una storia fatta di impegno, di partecipazione e di tante importanti iniziative.

Come non ricordare la lunga battaglia per ottenere la legge sul lavoro a domicilio e i pullman che ci portavano a Roma, in tante, a manifestare a Piazza Navona, a farci ricevere a Montecitorio dall’allora Ministro del lavoro Tina Anselmi.

Quando si andava a Roma per ottenere i consultori, per gli asili nido, per il diritto di famiglia, per tante iniziative di quegli anni il pulman di Pegognaga non mancava mai, ed erano tutte donne motivate e consapevoli dei loro diritti e forti nel difenderli.

Quando dopo il congresso nazionale del 1982 non ci furono più organismi dirigenti e a poco a poco l’UDI perse la sua visibilità sul piano nazionale e alcune UDI provinciali sparirono, l’DUI di Mantova continuò, come tante altre, in autonomia, a svolgere la propria attività, l’UDI di Pegognaga pure continuò con le sue iniziative a essere politicamente presente.

Fu per questo che decidemmo, quando nel 1998 chiudemmo la nostra attività, lasciando il Telefono Donna, il Centro di Consulenza legale e il Centro di consulenza psicologica in eredità al costituendo Telefono Rosa, di donare l’archivio alla Biblioteca Comunale di Pegognaga.

Naturalmente prendemmo in considerazione anche altre soluzioni come ad esempio la Biblioteca Comunale di Mantova città. Poi il penserò di vedere i nostri scatoloni, pieni di documenti per noi così preziosi, ammuffire in quegli scantinati ci fece cambiare opinione.

Il circoloUDI di Pegognaga era funzionante e vivace e le amiche ci garantirono di prendersene cura e di farlo catalogare.

Tutta la nostra storia, mezzo secolo dilette per l’emancipazione, per la effettiva parità dei sessi, per la liberazione della donna, tutta la nostra documentazione sarebbe stata in mani sicure, non sarebbe abdata perduta.

Adesso è in atto la catalogazione in computer ad opera delle amiche dell’Istituto di Storia Contemporanea e noi siamo grate alle amiche dell’UDI e al Comune di Pegognaga per avere accettato la donazione.

Valeria Gelsomini Bottoni

 

 

Autore: Rosso di Sera Mantova

Condividi questo articolo

Rispondi