Verso il nuovo mondo: il PCI e l’America Latina (1945-1973)

L’autore  ricostruisce le relazioni tra il Partito comunista italiano e i principali partiti comunisti dell’America Latina dalla fine della Seconda guerra mondiale fino agli anni Settanta, un periodo di grandi trasformazioni globali che investono anche le società latinoamericane e ne mettono in discussione le istituzioni politiche. I partiti comunisti di questi paesi sono il punto di osservazione prescelto da Pappagallo per comprendere come il PCI legga i cambiamenti in corso e provi a influenzare l’azione delle organizzazioni comuniste, impegnate, al proprio interno, nel dibattito tra la “via pacifica” e la “via armata” al socialismo. Dal Cile all’Argentina, dal Venezuela al Brasile, dal Perù a Cuba, il libro ricostruisce i diversi scenari nei quali si sviluppa il fitto reticolo di rapporti e solidarietà, ma anche le divergenze e gli scontri tra partiti, prendendo come punto di riferimento lo sguardo degli osservatori italiani. Al tempo stesso, l’analisi della strategia di politica estera del PCI nei confronti dei partiti comunisti latinoamericani, mette in evidenza la specificità del comunismo italiano sia nel contesto della guerra fredda che all’interno del movimento comunista internazionale. Dalla ricerca, condotta principalmente su fonti d’archivio italiane in gran parte inedite, emerge la funzione mediatrice del PCI a sostegno delle componenti riformatrici del comunismo latinoamericano, ma senza isolare o combattere le pulsioni rivoluzionarie sviluppatesi al suo interno. Nel contesto della narrazione sono moltissimi i riferimenti ( documenti, relazioni e altro) al mantovano Renato Sandri, deputato e per lungo tempo vero e proprio “ambasciatore del Pci in America Latina..

Sandri aveva trentotto anni quando Togliatti gli affidò il compito della prima missione ufficiale in America Latina. Era il 1964.

 

Dopo quel primo viaggio Sandri portò a termine moltissime altre missioni che gli diedero la possibilità di incontrare alcune tra le più significative personalità del secolo scorso: da Fidel Castro a Salvador Allende.  Proprio Allende, poco prima del colpo di stato di Pinochet, lo insigni dell’Ordine di O’Higgins, la più importante onorificenza cilena.

Onofrio Pappagallo, studioso del comunismo europeo e dell’America Latina, collabora con l’Associazione Enrico Berlinguer e la Fondazione Gramsci di Roma. Ha conseguito il dottorato di ricerca In Storia dell’Europa Moderna e Contemporanea presso l’Università degli Studi di Bari. E’ membro del Cuba Research Forum University di Nottingham. E’ inoltre autore del libro: Il Pci e la rivoluzione cubana. La “via latinoamericana al socialismo” tra Mosca e Pechino. !959-1965.( Carocci, Roma 2009)

Roberto Borroni

Autore: Rosso di Sera Mantova

Condividi questo articolo

Rispondi